Cosa significa prezzo di listino al dettaglio suggerito?

Il prezzo di listino al dettaglio suggerito è il prezzo di vendita suggerito dal produttore di un prodotto. Piccole e grandi imprese possono vendere merce a prezzi inferiori ai prezzi di listino suggeriti, ma vendere a prezzi più alti può essere difficile, soprattutto in un ambiente competitivo difficile o se la confezione del prodotto mostra in modo ben visibile il prezzo al dettaglio suggerito. Le strategie di prezzo possono influenzare la quota di mercato e la redditività.

Nozioni di base

I prezzi al dettaglio suggeriti definiscono i parametri di prezzo e profitto per una catena del valore al dettaglio, che in genere è composta da produttori, grossisti, distributori e dettaglianti. Ogni componente della catena del valore prende decisioni sui prezzi in base ai costi operativi e ai requisiti di margine. Il margine è la differenza tra il prezzo di vendita e il costo, espressa come percentuale del prezzo di vendita. L'ambiente competitivo, le condizioni economiche e le preferenze dei consumatori influenzano le decisioni sui prezzi. Ad esempio, un rivenditore potrebbe dover addebitare un prezzo inferiore al prezzo al dettaglio suggerito per mantenere la sua quota di mercato se i suoi concorrenti offrono sconti sui prezzi o se i consumatori riducono la spesa.

Margini

Il prezzo di vendita di un prodotto è il rapporto tra il suo costo e (1 meno il margine). Rielaborando l'equazione, il costo di un prodotto è uguale al suo prezzo di vendita moltiplicato per (1 meno il margine) e il suo margine è uguale a 1 meno (costo diviso per il prezzo di vendita). Ad esempio, se il prezzo di listino al dettaglio suggerito di uno spremiagrumi è $ 20 e un rivenditore richiede un margine del 10%, il costo non può superare $ 20 moltiplicato per (1 meno 0,10) o $ 18, che è il prezzo di vendita massimo del distributore. Allo stesso modo, se il distributore richiede anche un margine del 10 percento, i suoi costi non possono superare $ 18 moltiplicato per (1 meno 0,10), o $ 16,20, che diventa il prezzo di vendita massimo del grossista. Se il requisito di margine del grossista è del 5%, il prezzo massimo di vendita del produttore è $ 16,20 moltiplicato per (1 meno 0,05) o $ 15,39. Il produttore 'La struttura dei costi determinerà la sua redditività.

Strategie

I produttori possono aumentare il prezzo al dettaglio suggerito in ambienti di forte domanda o abbassarlo quando le condizioni economiche sono deboli. Le pressioni competitive potrebbero anche costringere i produttori ad abbassare i prezzi per mantenere la domanda. Le modifiche ai prezzi di listino al dettaglio suggeriti influiscono sui costi, sui prezzi di vendita e sui profitti lungo tutta la catena del valore, il che potrebbe richiedere modifiche operative. Ad esempio, se la domanda è forte, i produttori potrebbero utilizzare turni extra e i rivenditori potrebbero assumere personale aggiuntivo per soddisfare la nuova domanda. Al contrario, una domanda debole può costringere a riduzioni dei turni di produzione e del personale.

Considerazioni

I piccoli dettaglianti competono non solo con i loro coetanei, ma anche con i grandi rivenditori, che di solito hanno il potere di acquisto per negoziare condizioni favorevoli con i fornitori. Ciò rende difficile per un piccolo dettagliante competere esclusivamente sul prezzo perché di solito non è in grado di stabilire i termini di fornitura. Invece, potrebbe concentrarsi sulla fornitura di un servizio clienti personalizzato e prodotti di fascia alta per attirare i clienti.