Perché un'azienda di produzione richiede tre diverse categorie di inventario?

A differenza delle scorte di dettaglianti e grossisti, che consistono interamente di articoli pronti per la vendita, l'inventario di un'azienda manifatturiera includerà merci in varie fasi della produzione, dalle materie prime fino ai prodotti pronti per la spedizione ai clienti. Ecco perché il bilancio di un produttore divide il suo inventario in categorie.

Tre categorie

Un tipico produttore identificherà tre tipi di inventario: materie prime, lavori in corso e prodotti finiti. Le materie prime sono gli "input" di base della produzione: acciaio, legno, plastica, prodotti chimici e qualsiasi altra cosa che viene trasformata nel prodotto finale. Il lavoro in corso rappresenta beni che richiedono ancora lavoro prima di essere pronti per la vendita ai clienti. I prodotti finiti sono quelli che hanno attraversato il processo di produzione e sono in attesa di vendita.

Costi

I produttori separano le loro scorte in categorie in base al modo in cui vengono calcolati i costi. Dopotutto, un valore di cento dollari di materie prime è molto diverso da un valore di 100 dollari di prodotti finiti. Le materie prime sono generalmente quotate al costo; una società che paga $ 600 la tonnellata per l'acciaio e ha 5 tonnellate di acciaio a portata di mano riporterebbe $ 3.000 nelle scorte di materie prime in bilancio. Il valore riportato in bilancio per un bene in lavorazione o un bene finito include non solo il costo delle materie prime che sono entrate nell'elemento, ma anche il costo della manodopera diretta richiesta per produrlo, nonché una parte dei costi generali di produzione (come una frazione del costo dell'elettricità per far funzionare i macchinari di produzione).

Rischio di perdita

A seconda del settore, un produttore può essere ad alto rischio di dover annullare l'inventario come inutilizzabile. Il rapido progresso della tecnologia può rendere i prodotti finiti obsoleti prima ancora che vengano spediti dalla fabbrica. Cambiamenti improvvisi nei gusti dei consumatori possono rendere il lavoro in corso non degno di essere portato a termine. Nel frattempo, identificare l'inventario per categorie di fasi di produzione aiuta a segnalare i problemi. Se i prodotti finiti si stanno accumulando, l'azienda potrebbe essere in sovrapproduzione; se le materie prime si accumulano, la società potrebbe ordinare in eccesso. Un inventario classificato fornisce semplicemente un'immagine più completa della posizione dell'azienda.

Altre categorie

Materie prime, prodotti in lavorazione e prodotti finiti sono solo le "principali" categorie di scorte di produzione. Le aziende possono averne altri, come forniture per l'imballaggio o forniture per la produzione (articoli come carta vetrata o lubrificanti che sono necessari per la produzione ma non fanno parte del prodotto finito). Se un'azienda scopre di tenere a portata di mano una quantità significativa, ad esempio, di materiali di imballaggio, potrebbe decidere di suddividerli in una categoria separata del bilancio. Un'azienda con un'offerta relativamente piccola può semplicemente scegliere di raggrupparli con materie prime in una categoria come "materiali e forniture".