Cosa costituisce una giornata lavorativa per un dipendente salariato?

La settimana lavorativa di 40 ore ha iniziato a prendere piede negli Stati Uniti nei primi anni del XX secolo. Nel 1926, la Ford Motor Company fu il primo grande datore di lavoro statunitense a implementare la settimana lavorativa di 40 ore. Nel 1940, il Congresso approvò il Fair Labor Standards Act (FLSA) e stabilì ufficialmente la settimana lavorativa di 40 ore, come riportato sul sito web della CNBC Make It.

Come risultato della FLSA, la settimana lavorativa di cinque giorni comunemente utilizzata di solito si traduce in otto ore al giorno per la maggior parte dei dipendenti stipendiati. Tuttavia, le leggi sul lavoro locali e statali influiscono anche sulla giornata lavorativa di molti dipendenti salariati. Nel loro insieme, queste leggi determinano regole specifiche che ogni datore di lavoro applica per classificare la posizione salariata di un dipendente e decidere le ore che compongono la giornata lavorativa.

Regole per dipendenti esenti da FLSA

Le normative del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti classificano i dipendenti stipendiati in due gruppi: esenti e non esenti. Utilizzando questo sistema, le mansioni lavorative primarie e lo stipendio determinano il modo in cui il datore di lavoro classifica le posizioni dei dipendenti. Le persone che svolgono compiti gestionali, amministrativi e alcuni compiti indipendenti rientrano generalmente nella categoria di esenzione FLSA.

Inoltre, a partire dal 1 ° gennaio 2020, il datore di lavoro deve pagare ai dipendenti esenti uno stipendio di almeno $ 684 a settimana. La disposizione salariale consente al datore di lavoro di conteggiare bonus e compensi come commissioni come parte dello stipendio .

Notevoli eccezioni FLSA

In base alle norme sui dipendenti esenti, medici, avvocati, insegnanti e la maggior parte dei venditori esterni non devono soddisfare il requisito salariale se le loro mansioni rientrano in una categoria esente. La maggior parte dei dipendenti che lavorano principalmente nello sviluppo, progettazione o manutenzione di sistemi informatici sono dipendenti esenti quando soddisfano il minimo salariale settimanale o quando il datore di lavoro paga loro una tariffa oraria di almeno $ 27,63 .

Definizione di dipendenti stipendiati

Il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti (DOL) applica determinati criteri alla sua definizione di lavoro salariato. I dipendenti idonei devono ricevere una retribuzione specifica e fissa per il loro lavoro durante un periodo di retribuzione settimanale o più lungo. Con alcune eccezioni, un datore di lavoro non può modificare questo importo a causa di una differenza nella quantità di lavoro del dipendente.

Il DOL richiede ai datori di lavoro di pagare l'importo specificato ogni periodo di paga per i dipendenti salariati esenti, indipendentemente dal numero di ore o giorni di lavoro dei dipendenti. Quando un dipendente è disponibile e pronto a lavorare, il datore di lavoro non può ridurre il pagamento regolare, a meno che non sia disponibile alcun lavoro. Tuttavia, il datore di lavoro può ridurre la retribuzione per assenze non autorizzate, come assenze per malattia o giornate personali non coperte dal contratto salariale.

Dipendenti stipendiati non esentati

I dipendenti non esentati ricevono stipendi che non soddisfano il minimo settimanale o hanno responsabilità lavorative non conformi ai requisiti FLSA. In generale, i dipendenti non esentati non svolgono compiti di gestione o hanno la responsabilità delle funzioni di performance aziendale.

Altre persone in questa categoria includono professioni dei colletti blu, come meccanici, operai edili ed elettricisti, indipendentemente dal salario. L'FLSA classifica anche i primi soccorritori come gli agenti di polizia e il personale delle ambulanze come dipendenti non esenti.

Principali svantaggi degli stipendi esenti

La FLSA non richiede ai datori di lavoro di pagare il salario minimo federale ai dipendenti stipendiati nelle categorie esenti. Inoltre, non stabilisce alcun numero minimo di ore per i dipendenti stipendiati. Secondo le regole per i dipendenti esenti della FLSA, i dipendenti esenti non hanno diritto alla retribuzione degli straordinari dopo aver lavorato 40 ore settimanali.

Lavoro straordinario dipendente stipendiato

La settimana lavorativa standard presuppone che i dipendenti stipendiati ea tempo pieno lavorino otto ore al giorno. La base di questo calcolo è una settimana lavorativa di cinque giorni a 40 ore settimanali. Tuttavia, la FLSA non impone alcun numero specifico di ore giornaliere per i dipendenti stipendiati. Invece, regola la retribuzione e gli straordinari applicabili per tutti i dipendenti salariati, come descritto sul sito web del Dipartimento del lavoro.

In base a questa pratica, solo i dipendenti stipendiati non esentati si qualificano per gli straordinari, come fanno i dipendenti orari quando lavorano più di 40 ore in una settimana. La FSLA richiede ai datori di lavoro di pagare i dipendenti non esentati al tasso pari al 150 per cento del loro stipendio guadagnato per ogni ora oltre i 40 in una settimana.

Tempo compensativo vs straordinario

I dipendenti esenti spesso ricevono un periodo di compensazione solo quando superano le 40 ore settimanali. Anche in questo caso, a meno che non lavorino in uno stato che lo impone, i datori di lavoro non devono fornire tempo compensativo.

Un datore di lavoro che consente il tempo compensativo in genere ha un sistema formale o informale per monitorare le ore aggiuntive ogni settimana. Quindi, secondo le norme interne del personale, il dipendente può richiedere la quantità equivalente di tempo libero o accumulare ore extra e utilizzarle per ridurre il numero di ore lavorate in uno o più giorni lavorativi.

Orario di lavoro dei dipendenti salariati

L'FLSA non ha alcun regolamento che determina l'ora di inizio e l'ora di fine per ogni giorno lavorativo. Di norma, il datore di lavoro imposta questo orario in base alle leggi locali o statali. Sebbene molte persone stipendiate considerino che la normale giornata lavorativa inizi alle 9:00 e termini alle 17:00, ci sono molte varianti in questo programma "orario lavorativo" per una settimana lavorativa di 40 ore.

I turnisti salariati spesso si riferiscono a lavorare in orari che corrispondono a uno dei tre turni distinti, mattina, pomeriggio e terzo turno. L'ora di inizio potrebbe essere alle 7:00 con un'ora di fine alle 15:00. Potrebbero anche essere otto ore che iniziano in molti altri orari, compresa la mezzanotte. Gli ospedali e le fabbriche sono luoghi che spesso utilizzano questo tipo di turno per posizioni stipendiate e orarie.

Interruzioni e pasti dei dipendenti salariati

La FLSA non ha alcun regolamento che copra le pause per i dipendenti stipendiati. Alcune leggi statali coprono pause retribuite richieste di 15 minuti o meno. I dipendenti stipendiati devono rivedere la politica del datore di lavoro e determinare se soddisfa le normative statali per la classificazione del lavoro.

Sebbene alcuni stati richiedano che i datori di lavoro forniscano pause per i pasti a tutti i lavoratori qualificati, le leggi federali sul lavoro non richiedono ai datori di lavoro di pagare i dipendenti per la pausa pranzo. Quando un datore di lavoro determina l'orario di lavoro dichiarato, questa disposizione diventa estremamente importante.

Quando una giornata lavorativa di otto ore include un pranzo di un'ora retribuito, i dipendenti riferiscono all'orario normale e rimangono al lavoro per otto ore. Se il pranzo di un'ora non è pagato, il datore di lavoro prolunga di un'ora il tempo di lavoro del dipendente. Per creare un periodo di lavoro di otto ore durante la giornata lavorativa totale, l'ora di inizio del dipendente potrebbe essere 8:30 con un'ora di fine di 17:30, per un totale di nove ore.

Contratti salariali e caratteri fini

Quando un dipendente accetta un'offerta di lavoro e uno stipendio o rinnova un contratto salariale esistente, è importante sapere se la classificazione è esente o non esente. Queste classificazioni influenzano sia la retribuzione per le ore regolari che le ore extra sul lavoro.

È anche importante conoscere le leggi statali e locali che regolano il modo in cui il datore di lavoro determina le specifiche della giornata lavorativa. Quando esiste un conflitto tra la legge locale o statale e la FLSA, il datore di lavoro deve applicare il regolamento che offre al dipendente il massimo vantaggio e protezione dello stipendio e dell'orario di lavoro assegnato.