Strategia per la supply chain push vs. pull

La catena di fornitura di un'azienda si estende dalla fabbrica in cui sono realizzati i suoi prodotti al punto in cui i prodotti sono nelle mani del cliente. La strategia della catena di fornitura determina quando il prodotto deve essere fabbricato, consegnato ai centri di distribuzione e reso disponibile nel canale di vendita al dettaglio. In una supply chain pull, la domanda effettiva dei clienti guida il processo, mentre le strategie push sono guidate da proiezioni a lungo termine della domanda dei clienti.

Capire le catene di approvvigionamento

Le strategie push e pull funzionano entrambe all'interno della catena di fornitura. Una tipica catena di approvvigionamento ha cinque fasi diverse. I prodotti iniziano come materie prime. Nella seconda fase, il produttore prende le materie prime e le trasforma in prodotti.

La terza fase si verifica quando i prodotti finiti vengono spediti all'impianto di distribuzione. Nella fase quattro, la struttura di distribuzione utilizza i prodotti per immagazzinare un negozio al dettaglio o, nel caso di un'attività di e-commerce, un centro logistico. Nella fase finale, i prodotti vengono consegnati nelle mani del consumatore.

Spingere le strategie di supply chain

Una supply chain modello push è quella in cui la domanda prevista determina cosa entra nel processo. Ad esempio, le giacche calde vengono inviate ai rivenditori di abbigliamento al termine dell'estate e all'inizio delle stagioni autunnali e invernali. Con un sistema push, le aziende hanno la prevedibilità nelle loro catene di approvvigionamento poiché sanno cosa accadrà quando, molto prima che arrivi effettivamente. Ciò consente loro anche di pianificare la produzione per soddisfare le loro esigenze e dà loro il tempo di preparare un luogo per immagazzinare le scorte che ricevono.

Strategie per la catena di fornitura

Una strategia pull è correlata alla scuola just-in-time di gestione dell'inventario che riduce al minimo le scorte disponibili, concentrandosi sulle consegne dell'ultimo secondo. In base a queste strategie, i prodotti entrano nella catena di approvvigionamento quando la domanda dei clienti lo giustifica. Un esempio di un settore che opera secondo questa strategia è un venditore diretto di computer che attende di ricevere un ordine per costruire effettivamente un computer personalizzato per il consumatore.

Con una strategia pull, le aziende evitano il costo del trasporto di scorte che potrebbero non essere vendute. Il rischio è che potrebbero non avere scorte sufficienti per soddisfare la domanda se non sono in grado di aumentare la produzione abbastanza rapidamente.

Strategie push / pull

Tecnicamente, ogni strategia di supply chain è un ibrido tra le due. Un sistema completamente push si ferma ancora al negozio al dettaglio dove deve aspettare che un cliente "tiri fuori" un prodotto dagli scaffali. Tuttavia, una catena progettata per essere un ibrido cambia tra spinta e trazione da qualche parte nel mezzo del processo.

Ad esempio, un'azienda può scegliere di stoccare il prodotto finito presso i suoi centri di distribuzione per attendere gli ordini che li portano ai negozi. I produttori potrebbero scegliere di accumulare scorte di materie prime, soprattutto quelle che aumentano di prezzo, sapendo che saranno in grado di utilizzarle per la produzione futura.